"ut velocius ut vehementius"

Organizzazione centrale

Presidenza Nazionale

Il Presidente Nazionale è scelto tra i Militari di ogni ordine e grado in ausiliaria, riserva o congedo assoluto che provengano dall’Arma di Cavalleria.

[vai alla pagina]

Consiglio Direttivo Nazionale

Il Consiglio Nazionale, quale espressione rappresentativa dell’Assemblea Generale associativa, è il massimo organo deliberativo.

[vai alla pagina]

Sezioni

Presenti sul territorio, sono il fulcro dell'attività associativa, portavoce delle istanze, delle aspettative e della volontà dei Soci.

[vai alla pagina]

Rivista di Cavalleria

Fondata nel 1886 è un periodico bimestrale edito dall'ANAC, oltre 384 pagine annuali che raccontano la storia e l'attualità della Cavalleria italiana.

[vai alla pagina]

Notizie dalla pagina Facebook della Rivista di Cavalleria

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

Gio Nov 14th, 2019

I Lancieri di Novara elogiati dal Capo di SME Esercito Italiano#cavalleria #esercitoitaliano Esercito Italiano ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Albis Ardua 🇮🇹

Alberto Esposto

Se mi permette...

Luca L Salvi Riccardo Mazzocato Albis Ardua

Reggimento Nizza Cavalleria
La componente pesante del Reggimento, su piattaforma blindo armata Centauro, ha terminato lo scorso 7 novembre limportante esercitazione internazionale denominata Scorpion Legacy 2019, presso il comprensorio addestrativo del Land Forces Combat Training Center Getica di Cincu in Romania.
Laddestramento era iniziato il 28 ottobre con unesercitazione di posto comando che ha impegnato il Comandante del 1° gruppo squadroni e alcuni ufficiali del Comando di “Nizza”. Il momento conclusivo si è avuto con un’attività a fuoco nelle giornate del 6 e 7 novembre, a cui hanno preso parte due plotoni dello squadrone blindo pesante con dieci blindo Centauro. Nel complesso, l’attività ha visto più di sessanta soldati dellEsercito italiano confrontarsi e addestrarsi con personale internazionale, utilizzando uno scenario tipicamente “combat” su terreni aperti e pianeggianti.
In tale contesto, la situazione operativa ha previsto la risposta ad un attacco convenzionale, attuando in un primo tempo attività tattiche difensive e, a seguire, sviluppando attività controffensive congiuntamente al 20° battaglione di Fanteria delle Forze armate rumene, a una compagnia dell’Esercito portoghese e ad una polacca. In particolare, a “Nizza” è stato assegnato il compito di costituire l’unità di copertura delle forze di manovra, effettuando lo schermo di sicurezza della fronte di brigata e, successivamente, di raggiungere la zona di raccolta a premessa della fase di contrattacco. Durante le fasi preparatorie, gli uomini e le donne del reparto hanno avuto inoltre l’opportunità di addestrarsi, a partiti contrapposti, allo svolgimento di diversi compiti tattici, utilizzando i sistemi di simulazione Miles.
Lesercitazione Scorpion Legacy 2019 ha permesso al personale del colonnello Matteo Rizzitelli, comandante di “Nizza”, di condurre attività tattiche differenziate in bianco e a fuoco in un contesto Joint e Combined.

Mar Nov 12th, 2019

Reggimento Nizza Cavalleria
La componente pesante del Reggimento, su piattaforma blindo armata Centauro, ha terminato lo scorso 7 novembre l'importante esercitazione internazionale denominata "Scorpion Legacy 2019", presso il comprensorio addestrativo del Land Forces Combat Training Center Getica di Cincu in Romania.
L'addestramento era iniziato il 28 ottobre con un'esercitazione di posto comando che ha impegnato il Comandante del 1° gruppo squadroni e alcuni ufficiali del Comando di “Nizza”. Il momento conclusivo si è avuto con un’attività a fuoco nelle giornate del 6 e 7 novembre, a cui hanno preso parte due plotoni dello squadrone blindo pesante con dieci blindo Centauro. Nel complesso, l’attività ha visto più di sessanta soldati dell'Esercito italiano confrontarsi e addestrarsi con personale internazionale, utilizzando uno scenario tipicamente “combat” su terreni aperti e pianeggianti.
In tale contesto, la situazione operativa ha previsto la risposta ad un attacco convenzionale, attuando in un primo tempo attività tattiche difensive e, a seguire, sviluppando attività controffensive congiuntamente al 20° battaglione di Fanteria delle Forze armate rumene, a una compagnia dell’Esercito portoghese e ad una polacca. In particolare, a “Nizza” è stato assegnato il compito di costituire l’unità di copertura delle forze di manovra, effettuando lo schermo di sicurezza della fronte di brigata e, successivamente, di raggiungere la zona di raccolta a premessa della fase di contrattacco. Durante le fasi preparatorie, gli uomini e le donne del reparto hanno avuto inoltre l’opportunità di addestrarsi, a partiti contrapposti, allo svolgimento di diversi compiti tattici, utilizzando i sistemi di simulazione Miles.
L'esercitazione Scorpion Legacy 2019 ha permesso al personale del colonnello Matteo Rizzitelli, comandante di “Nizza”, di condurre attività tattiche differenziate in bianco e a fuoco in un contesto Joint e Combined.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Complimenti!

Sempre grande il 1° Nizza!! Nicaea Fidelis Semper!!!

Bellissima foto..

Complimenti!

Sempre Nizza

Grande nizza

Nicea fidelis?

IL NIZZA è stato da sempre il numero 1 . Resta e rimarrà il primo gruppo squadroni di cavalleria italiano anche se non più corazzato. All'epoca 1977/78, era corazzato con M47 , sistemati a Baudenasca (Pinerolo), mentre il reparto era a Pinerolo. Che bei ricordi. Onore e gloria al Nizza .

💪💪💪

Lorenzo De Angelis

Valeria Barbiera ❤️

View more comments

Si è svolta il 3 novembre a Voghera presso il Tempio Sacrario della Cavalleria la celebrazione del 102° anniversario dei fatti d’arme di Pozzuolo del Friuli, festa dell’Arma di Cavalleria. La Santa Messa in ricordo dei Caduti è stata preceduta dagli onori resi da un picchetto su lance con tromba del reggimento Nizza Cavalleria; gli onori resi sono stati resi al generale Giovanni Fungo sottocapo di SME e Decano dell’Arma.  Accanto al picchetto si è anche schierata una pattuglia montata dell’Arma dei Carabinieri, concorso espressamente voluto dal comandante generale dell’Arma, generale Giovanni Nistri per ribadire l’interiorizzata militarità dell’Arma espressa nella fattispecie nel ricordo e nellomaggio ai Caduti delle componenti montate della Benemerita. Si è poi proceduto all’alzabandiera. Prima del sacro rito ha preso la parola il Priore del Tempio generale Paolo Bosotti che ha brevemente rievocato il fatto d’arme inquadrandolo nel peculiare contesto storico. Al termine della Messa ha preso la parola il Decano parlando della realtà della Cavalleria oggi. Erano presenti il comandante della Scuola di Applicazione generale Salvatore Cuoci con una folta rappresentanza di Allievi, il comandante provinciale dei Carabinieri di Pavia, numerosi Colonnelli comandanti di reggimento e di Istituti di formazione, il generale Dario Temperino priore emerito, il vice sindaco di Voghera dottor Salerno e l’assessore alla Sicurezza dottor Carbone, cittadini vogheresi, labari di Associazioni combattentistiche e darma e alcune sezioni ANAC. Nonostante il tempo inclemente la chiesa era gremita.

Lun Nov 4th, 2019

Si è svolta il 3 novembre a Voghera presso il Tempio Sacrario della Cavalleria la celebrazione del 102° anniversario dei fatti d’arme di Pozzuolo del Friuli, festa dell’Arma di Cavalleria. La Santa Messa in ricordo dei Caduti è stata preceduta dagli onori resi da un picchetto su lance con tromba del reggimento Nizza Cavalleria; gli onori resi sono stati resi al generale Giovanni Fungo sottocapo di SME e Decano dell’Arma. Accanto al picchetto si è anche schierata una pattuglia montata dell’Arma dei Carabinieri, concorso espressamente voluto dal comandante generale dell’Arma, generale Giovanni Nistri per ribadire l’interiorizzata militarità dell’Arma espressa nella fattispecie nel ricordo e nell'omaggio ai Caduti delle componenti montate della Benemerita. Si è poi proceduto all’alzabandiera. Prima del sacro rito ha preso la parola il Priore del Tempio generale Paolo Bosotti che ha brevemente rievocato il fatto d’arme inquadrandolo nel peculiare contesto storico. Al termine della Messa ha preso la parola il Decano parlando della realtà della Cavalleria oggi. Erano presenti il comandante della Scuola di Applicazione generale Salvatore Cuoci con una folta rappresentanza di Allievi, il comandante provinciale dei Carabinieri di Pavia, numerosi Colonnelli comandanti di reggimento e di Istituti di formazione, il generale Dario Temperino priore emerito, il vice sindaco di Voghera dottor Salerno e l’assessore alla Sicurezza dottor Carbone, cittadini vogheresi, labari di Associazioni combattentistiche e d'arma e alcune sezioni ANAC. Nonostante il tempo inclemente la chiesa era gremita. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

ONORE AI CADUTI PER LA PATRIA WLA CAVALLERIA SCUOLA DI APLICAZIONE TORINO

ONORE E GLORIA AI CADUTI PER LA SACRA PATRIA W IL GENOVA CAVALLERIA 💖💖💖💖💖

Onore ai caduti per la Patria W le Guide..

Eccellente

Onore ai caduti onore alla cavalleria che partiva alla carica⁰ al grido avanti savoia

Ottimo

View more comments

Dal 18 al 27 ottobre si è svolta a Wuhan (Cina) la 7^ edizione dei Giochi mondiali militari, evento organizzato con cadenza quadriennale dal Consiglio internazionale dello sport militare (CISM), a cui hanno preso parte circa 10.000 atleti provenienti da oltre 110 nazioni che si sono confrontati in 28 discipline sportive.
Risultati di assoluto rilievo sono arrivati dall’equitazione, ove ha gareggiato una squadra interforze composta dal 1° maresciallo (AM) Stefano Nogara, dal carabiniere scelto Emanuele Bianchi e dal caporale maggiore capo Filippo Martini di Cigala. In particolare quest’ultimo, atleta del Centro militare di equitazione, vincendo la prima prova e posizionandosi al terzo posto nella seconda, ha contribuito in maniera determinante alla conquista della medaglia d’argento a squadre della rappresentativa interforze. Allatleta con le fiamme arancioni il plauso e l’apprezzamento più vivo per la brillante prestazione, che contribuisce a dare ulteriore lustro alla Cavalleria, all’Esercito ed all’Italia.

Gio Ott 31st, 2019

Dal 18 al 27 ottobre si è svolta a Wuhan (Cina) la 7^ edizione dei Giochi mondiali militari, evento organizzato con cadenza quadriennale dal Consiglio internazionale dello sport militare (CISM), a cui hanno preso parte circa 10.000 atleti provenienti da oltre 110 nazioni che si sono confrontati in 28 discipline sportive.
Risultati di assoluto rilievo sono arrivati dall’equitazione, ove ha gareggiato una squadra interforze composta dal 1° maresciallo (AM) Stefano Nogara, dal carabiniere scelto Emanuele Bianchi e dal caporale maggiore capo Filippo Martini di Cigala. In particolare quest’ultimo, atleta del Centro militare di equitazione, vincendo la prima prova e posizionandosi al terzo posto nella seconda, ha contribuito in maniera determinante alla conquista della medaglia d’argento a squadre della rappresentativa interforze. All'atleta con le fiamme arancioni il plauso e l’apprezzamento più vivo per la brillante prestazione, che contribuisce a dare ulteriore lustro alla Cavalleria, all’Esercito ed all’Italia.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Attivo sempre perché ho dato tutto me stesso per questo Sport ed Attività Addestrativa .Ma desidero un giorno avere la possibilità di raccontare le mie attività come Sott/le ed cavaliere (come l’ultima esperienza la creazione della fanfara a cavallo del Rgt Montebello grazie

Fiero di essere stato un graduato di truppa dei lancieri D Aosta 6 rgt gruppo squadroni blindo,Aosta D Fer

Sei stato cavalliere pure tu?

Load more